Prestito ipotecario a cattivi pagatori: come funziona?

28

Indice dei contenuti

Il prestito ipotecario è un contratto che segue regole e pre requisiti molto rigidi: sono molti gli utenti, che per un motivo oppure per l’altro, non possono accedere al denaro prestato dalle banche e dalle finanziarie. Oggi vedremo il raro caso nel quale un utente con una storia creditizia negativa voglia provare a sottoscrivere un contratto per un prestito ipotecario: vi parleremo delle strategie e delle strade migliori da seguire per ottenere il denaro nonostante la reputazione di cattivi pagatori. Se siete interessati all’argomento vi consigliamo di leggere per intero la nostra guida di oggi in cui toccheremo aspetti fondamentali come: il motivo per cui è difficile richiedere un prestito con una storia creditizia negativa, come fare a migliorare la propria storia creditizia, quali strategie seguire per ottenere il prestito e molto altro ancora. Buona lettura!

Che cos’è la storia creditizia

La storia creditizia è il motivo principale per il quale gli utenti con delle insolvenze passate non possono accedere facilmente a nuovi mutui e prestiti.

La storia creditizia non è altro che un resoconto di tutti i debiti e i saldi intrapresi da un utente: se un determinato prestito non è stato saldato oppure è stato saldato in ritardo, la storia creditizia “perde punti”. Al contrario, invece, se un utente salda con precisione e con puntualità i debiti guadagnerà punti e migliorerà la propria reputazione. 

Le banche e le finanziarie utilizzano la storia creditizia per valutare un richiedente: se un utente ha una storia negativa molto probabilmente è ritenuto poco affidabile dalle banche e dalle finanziarie. Insomma, le banche si basano sul vecchio adagio: “il lupo perde il pelo ma non il vizio”; nelle prossime sezioni della guida di oggi scopriremo come dimostrare alle banche che si sbagliano! 

Come migliorare la propria reputazione

La reputazione presso le banche, rappresentata dalla storia creditizia, non è un’etichetta che viene stampata e attaccata al petto di ogni utente per sempre: la reputazione può essere migliorata ed esistono dei metodi “semplici” per farlo.

Le carte di credito sono un ottimo modo per migliorare la propria reputazione. Come tutti ben sappiamo, quando si paga con una carta di credito si contrae un piccolo debito con la banca; il debito andrà poi saldato a fine mese oppure a fine anno. Saldando questi piccoli debiti contratti con la carta di credito l’utente può migliorare in modo semplice ma non troppo rapido la propria reputazione da creditore.

Un cattivo pagatore deve, semplicemente, dimostrare di avere garanzie migliori rispetto a quelle presentate in precedenza per ottenere maggiore credibilità presso gli enti che prestano denaro. Ovviamente le garanzie in questione devono essere sostenute da prove concrete!

Richiedere piccoli prestiti è un altro ottimo metodo per ottenere credibilità. Nel caso in cui, ad esempio, il mutuo debba servire per un progetto è possibile usare dei piccoli prestiti per tutte quelle che sono le spese “preliminari” del progetto. Data la somma contenuta dei piccoli prestiti è più facile che questi vengano concessi nonostante la cattiva reputazione. Dopodichè, ovviamente, il richiedente dovrà saldare in modo puntuale le rate del debito per guadagnare reputazione.

Come si può facilmente immaginare anche senza esperienza nel campo: un utente la cui reputazione sia in condizioni irrecuperabili ha pochissime possibilità di recuperare reputazione. Nelle prossime sezioni della guida vedremo quali sono le alternative per chi ha una reputazione troppo negativa per sottoscrivere un mutuo ipotecario. Prima, però, vediamo quali sono le strategie che si possono usare per provare ad ottenere un mutuo anche da cattivi pagatori.

Come ottenere un prestito ipotecario da cattivi pagatori

I cattivi pagatori non possono sperare nella fiducia della banca, anzi, devono fare di tutto per eliminare ogni dubbio riguardo la loro possibilità ed intenzione di saldare il debito. Il modo migliore per fare quanto abbiamo appena detto è offrire delle garanzie chiare e solide. Vediamo alcune delle garanzie che sicuramente vi faranno guadagnare punti:

    • L’immobile ipotecato deve essere di valore, ben tenuto e dotato di tutte le certificazioni che lo rendono agibile e abitabile. Ovviamente il valore dell’immobile comporta un requisito necessario anche per mutui con importi alti ma, in questo caso, l’immobile deve essere importante anche se l’importo è minimo.
  • Nominare un garante è un’ottima idea: un membro della famiglia o un conoscente che si prenda carico del saldo della rata nel remoto in caso in cui un utente non possa provvedere al denaro necessario. 
  • Fornire prove evidenti della propria stabilità economica: l’utente che consegna buste paghe, cedolini dello stipendio, registrazioni presso gli albi dei liberi professionisti e così via, ha probabilità decisamente maggiori di sottoscrivere un mutuo anche se ha una reputazione negativa.

Alternative al prestito ipotecario

Nel caso in cui un utente non possa recuperare la propria reputazione e le banche non ne vogliano sapere di fargli sottoscrivere un prestito l’unica opzione è quella di rivolgersi a privati. Esistono moltissimi portali che permettono la stipulazione di prestiti con utenti privati nel modo più trasparente e sicuro possibile. Anche nel caso dell’utente privato sono necessarie garanzie e documenti come per le aziende ma, a differenza delle banche e delle finanziarie, gli utenti privati possono comunque fornire il prestito anche se la storia creditizia del richiedente è negativa.

I prestiti tra privati sono regolati da rigide norme e sono al cento per cento sicuri quindi sono una valida alternativa anche se, come si può intuire, raramente sono disponibili gli importi offerti dalle banche.

A questo punto possiamo avviarci verso la conclusione della nostra guida completa sul prestito ipotecario a cattivi pagatori: speriamo di esservi stati d’aiuto nella difficile impresa di ottenere un prestito con una storia creditizia negativa. Come sempre ci teniamo a ringraziarvi per il tempo e l’attenzione che ci avete dedicato per arrivare fino in fondo alla guida di oggi. Se state cercando altre informazioni sul mondo dei mutui ipotecari, su come ottenerli e molto altro ancora, vi consigliamo di sfogliare le pagine del nostro blog: abbiamo pubblicato moltissime guide sull’argomento e sicuramente potrete trovare altre interessanti informazioni. Alla prossima guida, sempre qui sul nostro blog dedicato ai prestiti ipotecari!