Prestito con ipoteca Unicredit: costi, dettagli, recensioni

Indice dei contenuti

La banca Unicredit offre una vasta gamma di prestiti con ipoteca, adatte ad ogni tipo di soluzione. Da ricordare prima di iniziare cosa sia un prestito con ipoteca o mutuo ipotecario.

Si tratta della più comune forma di finanziamento che praticamente tutte le banche concedono. Sono utili per l’acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di una casa.

L’aggettivo ipotecario sta ad indicare il fatto che la banca, nel caso specifico Unicredit, come garanzia metteranno un’ipoteca sul bene che andrà ristrutturato, acquistato oppure costruito.

Vedremo di seguito perché i prestiti con ipoteca Unicredit sono così popolari e scelti dalla maggior parte dei clienti.

Prestito con ipoteca Unicredit: perché richiederlo

Essenzialmente i motivi per aprire un prestito ipotecario sono due:

  • non si ha una busta paga ma si è proprietari di un immobile;
  • ricevere somme di denaro particolarmente ingenti.

Nel primo caso si tratta di un’ottima opportunità. Le banche, compresa Unicredit, solitamente per erogare finanziamenti chiederanno come garanzia un (o più) buste paga per tutelarsi. Con il prestito ipotecario invece questo non sarà necessario. Solitamente l’importo erogato non dovrà superare l’70 % del valore del suddetto immobile.

Il prestito ipotecario Unicredit inoltre permetterà di ottenere cifre molto più alte rispetto a quelle che di potranno ricevere con dei prestiti personali.

Requisiti per richiedere un prestito ipotecario

Busta paga oppure no, la banca Unicredit come ogni altro istituto di credito dovrà assicurarsi che il richiedente sia in grado di restituire la cifra prestata.

Altro requisito fondamentale che renderebbe impossibile la richiesta di un prestito ipotecario è quella di non essere stati segnalati al CRIF per il mancato pagamento di rate di finanziamenti precedenti. In questo caso, risultando a tutti gli effetti dei cattivi pagatori, l’unica soluzione sarebbe quella di ricorrere ad un prestito personale o alla cessione del quinto.

Quanto è possibile ottenere con i prestiti ipotecari Unicredit

Le cifre riportate qui di seguito potrebbero non essere corrette o meglio, lo sono nel momento della stesura di questo articolo, ma nel mondo dei prestiti offerte e promozioni tendono a sparigliare spesso le carte in tavola.

In linea di massima a parte eccezioni l’importo massimo con il prestito ipotecario Unicredit è del 70 % del valore dell’immobile. Questa cifra potrebbe anche essere maggiore, ma il richiedente dovrà fornire garanzie sufficienti alla banca con il rischio anche, che vengano applicate tariffe ed interessi differenti.

Durata del mutuo ipotecario Unicredit

La durata del prestito ipotecario Unicredit varia a seconda dell’uso che se ne dovrà fare:

    • Da 5 a 30 anni per l’acquisto di un immobile
    • Da 5 a 20 anni per la ristrutturazione di un immobile

È bene ricordare che più è alta la tempistica di restituzione del denaro, più interessi di dovranno pagare alla fine, a fronte però di rate molto più basse e la tipologia di tasso più essere fisso oppure variabile con o senza CAP.

Per alcune tipologie di prestito Unicredit a partire dal ventiquattresimo mese all’erogazione, del denaro e ovviamente di regolare pagamento delle rate, si potranno attivare alcuni servizi:

  • Tagliare la rata per sospendere il pagamento della quota capitale fino ad un massimo di un anno;
  • Riduzione della rata per allungare il piano dei pagamenti fino ad un massimo di 4 anni;
  • Spostamento della rata per slittare in avanti il piano dei pagamenti fino ad un massimo di 3mesi.

Spese aggiuntive per i prestiti Unicredit

Le seguenti spese aggiuntive del prestito:

  • un’imposta pari al 2% sulla cifra complessiva, o allo 0,25% nel caso di acquisto della prima casa
  • istruttoria;
  • le spese di perizia
  • le spese notarili
  • premio di assicurazione
  • commissione annua di gestione della pratica
  • le spese per l’incasso della rata.

Queste sono da considerarsi oltre il pagamento degli interessi e vengono considerate solamente dall’indicatore TAEG.